Cerca

Tav: indagato Perino, denunciati anche due amministratori della Valle

Cronaca

Torino, 11 giu. (Adnkronos) - "Non capiamo perche' i magistrati abbiano aspettato un anno a tirare fuori dal cappello la denuncia penale: probabilmente aspettavano il momento buono per fa succedere la bagarre". Cosi' Alberto Perino, leader dei No Tav, commenta l'avviso di garanzia che gli e' stato recapitato ieri, a margine della conferenza stampa convocata oggi a Torino per presentare l'appello del Movimento sulla democrazia e la legalita' in Val di Susa.

I fatti contestati riguardano l'occupazione dell'area dell'autoporto di Susa per impedire i sondaggi da parte di Ltf lo scorso 12 gennaio 2010. Insieme a Perino sono stati denunciati per invasione di terreni ed edifici e deturpamento e danneggiamento di cose altrui, oltre all'aggravante di essere stati in piu' di dieci persone, anche il sindaco e il vice sindaco di San Didero, Loredana Bellone e Giorgio Vair.

Denunciate anche altre sei persone, tre dei centri sociali e tre di area anarchica: "Cosi' possono avvalorare la tesi di connivenze tra centri sociali e amministratori - sottolinea Perino - si tratta di una giustizia a orologeria". Il leader No Tav evidenzia poi che, almeno per ora, questo e' l'unico avviso di garanzia che ha ricevuto. Sullo stesso episodio e' gia' in corso un procedimento civile in cui oltre a Perino, sono coinvolte una quarantina di persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog