Cerca

Crisi economica: Camusso, non basta solo rigore conti pubblici

Economia

Firenze, 11 giu. - (Adnkronos) - "La crisi morde ancora perche' il nostro Paese e' in una stagnazione peggiore degli altri, perche' non sono state fatte politiche di investimento e abbiamo una crescita inferiore: con l'idea che basta solo il rigore dei conti pubblici, stiamo condannando il Paese a crescere di meno". Cosi' il segretario generale della Cgil Susanna Camusso risponde alle parole pronuciate dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti a Santa Margherita Ligure.

"Prudenza, per carita' -ha proseguito la Camusso- ma non lo deve dire a chi per due anni ha dovuto cercare di dire che c'era la crisi, mentre loro ne negavano l'esistenza. Si scelga la direzione in cui si va, e si dica che se l'unico costo della crisi e' quello che pagano lavoratori, pensionati e disoccupati, e mai chi ha rendite e patrimoni che crescono anche nella crisi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog