Cerca

Sanita': in Sicilia ogni anno piu' di diecimila ricoveri per infarto

Cronaca

Palermo, 11 giu.- (Adnkronos) - Colpiti al cuore quando ormai pensavano di essere al sicuro. La nuova emergenza sanitaria in Sicilia sono proprio loro, i sopravvissuti al primo infarto. Sei su dieci finiscono per averne un altro. E i rischi di mortalita' triplicano. Ogni anno sono oltre 10.800 i siciliani ricoverati a seguito di un infarto: per 6.500 di loro e' la ''prima volta'' e le vittime, se ricoverate in Unita' Coronarica, sono quasi 200, con un rischio di mortalita' del 3%. Ma a far scattare l'allarme e' un altro dato significativo: sono ben 4.300 i pazienti al secondo infarto. Sono loro a rischiare di piu', perche' 1 su 5 muore entro l'anno.

Per questi pazienti il tasso di mortalita' risulta triplicato rispetto a quello del primo infarto: oltre 150 non superano il ricovero, circa 340 muoiono entro il primo mese, piu' di 500 non riescono a sopravvivere oltre un anno. Per un totale di 1000 decessi, per la meta' evitabili con cure adeguate e costanti e stili di vita salvacuore. Cresce dunque il numero di chi sopravvive all'infarto, grazie all'aumento di ricoveri sempre piu' tempestivi e alla riduzione dei fattori di rischio, ma aumentano i pazienti che perdono la vita nel dopo infarto per scarsa aderenza alla terapia e stili di vita inadeguati. Lo sottolineano i cardiologi dell'Anmco Sicilia, che insieme alla ''Fondazione Per il Tuo Cuore'' Onlus, promuovono la prima campagna nazionale d'informazione e sensibilizzazione sulla prevenzione cardiovascolare e sui rischi che si corrono nel post-infarto. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog