Cerca

Fisco: Maroni, governo non e' solo ragioniere che tiene i conti

Economia

Levico Terme (Trento), 11 giu. (Adnkronos) - "Il governo non e' solo un ragioniere che deve tenere i conti in ordine perche' altrimenti qualche burocrate di Bruxelles viene con il ditino e fa cosi'. Deve fare anche questo, per l'amor di Dio, ma si puo' negoziare, si puo' discutere e trattare". Lo ha affermato il ministro dell'Interno Roberto Maroni intervenendo alla Festa nazionale della Cisl a Levico Terme precisando che "quello su cui non si puo' trattare, quello su cui si deve intervenire subito, sono le necessita' dei cittadini: dare un aiuto a chi diminuisce il proprio reddito, a chi non ce la fa, a chi ha bisogno e questo si puo' fare principalmente con l'unico strumento importante che e' rimasto nelle disponibilita' dei governi europei: il fisco, il sistema tributario".

"Gli aiuti alle imprese, gli incentivi, tutte queste cose devono per forza passare dal livello europeo altrimenti sono aiuti di Stato -ha spiegato Maroni- invece dove noi abbiamo la possibilita' di intervenire e' solo nel sistema fiscale e allora, la riforma mirata ad aiutare le famiglie, ad aiutare il sistema delle piccole e medie imprese, che poi sono le imprese famigliari, e a garantire il reddito e il potere di acquisto dei lavoratori e dei pensionati, questo e' l'impegno che noi dobbiamo prendere".

"Io penso e mi auguro che Berlusconi dira' nettamente queste cose nel discorso che fara' al Parlamento. Se sara' cosi' io mi sento di dire che possiamo andare avanti altrimenti...", ha concluso Maroni lasciando in sospeso la frase.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog