Cerca

Fisco, Tremonti: ''Voglio fare la riforma ma problema è dove trovare 80 miliardi''

Economia

Levico Terme, 12 giu. (Adnkronos/Ign) - "Alla fine ho trovato il coraggio di venire qua, dipende da voi, lo capirò dopo, capire se ho fatto bene o male. Non sono tormentato e dirò tutto quello che penso e che devo dire". Al suo arrivo alla Festa nazionale della Cisl, il ministro dell'Economia Giulio Tremonti usa ironicamente la parola ''coraggio'', quello che sabato gli ha chiesto lil ministro leghista Roberto Maroni replicando alla ''prudenza'' invocata dal titolare del Tesoro rispetto alla riforma fiscale, su cui punta il premier Silvio Berlusconi per rilanciare l'azione di Governo.

Ma Tremonti non si limita ad una battuta. "Ci sono cose per cui dimostri più coraggio se le dici che non se le taci e fai finta che non ci sono. Ieri ho avuto l'imprudenza di usare il termine prudenza", ha puntualizzato. Il termine 'prudenza' ha spiegato il ministro Tremonti "era riferito al mondo, si vede che non bisogna più usarlo. La speculazione è causa di instabilità o si dà una vera regolata alla finanza, cosa che non c'è stata o si inventa un nuovo driver di crescita come è stata l'automobile, manca al mondo occidentale e se manca al mondo occidentale manca al mondo".

Tornando al taglio delle tasse, Tremonti dice di avere ''le idee assolutamente chiare, da almeno un anno. Voglio fare la riforma fiscale. Ne ho una ottima non è un problema di posizione personale, il problema è dove trovare i meccanismi finanziari. Potrei dire: datemi 80 mld ma è una cifra forse eccessiva''. Insomma ''io ho le idee assolutamente chiare su cosa è giusto per il fisco -ha spiegato ancora il ministro- su quali aliquota applicare ma non si può andare al bar e dire 'da bere per tutti', e poi chi paga? Voi. Io sono tentato di dire, vi faccio la riforma e voi mi trovate 80 miliardi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog