Cerca

Mare: 'Turtle week', settimana Wwf a difesa delle tartarughe (4)

Cronaca

(Adnkronos) - Bastano poche semplici regole per salvare le tartatughe. "Quando i pescatori trovano tra i pesci un esemplare in fin di vita la ributtano in mare. E' assolutamente sbagliato! Sarebbe come buttare in mare un annegato. Devono lasciarla su un piano della loro barca e chiamare subito noi del Wwf", dice Colucci. "E' sufficiente migliorare le condizioni della pesca per migliorare le condizioni dell'universo marino delle tartarughe", precisa. Tutti i campi di volontariato e i campi avventura dell'oasi di Policoro sono finalizzati a formare chi vive sulle coste, soprattutto i bambini, nel rispetto delle specie animali.

Ma oltre alle tartarughe marine, spesso i volontari del Wwf devono occuparsi anche delle loro 'cugine' domestiche. "Solo qualche giorno fa - racconta - abbiamo ricoverato nel nostro centro una grossa tartaruga che il Tribunale ci ha consegnato: qualcuno voleva disfarsene vendendola su internet. In molti casi, invece, vengono abbandonate al primo specchio d'acqua che si incontra, anche una semplice fontana cittadina. La nostra oasi si trasforma in una vera e propria pensione per qualsiasi esemplare, comprese le famigerate 'Trachemys dalle orecchie rosse', acquistate da piccole ma che da adulte diventano aggressive e raggiungono una taglia discreta", conclude Colucci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog