Cerca

Diritti tv: responsabile fiscale Mediaset, mai direttive da Berlusconi

Cronaca

Milano, 13 giu. - (Adnkronos) - "Non ho mai avuto direttive da Silvio Berlusconi, ne' direttamente ne' indirettamente in materia di fisco. E nemmeno da Fedele Confalonieri che si occupa solo di linea editoriale e relazioni istituzionali". E' quanto afferma Marco Cittadini, responsabile fiscale del gruppo Mediaset, sentito oggi come testimone al processo sui presunti fondi neri relativi ai diritti tv del gruppo di Segrate, che vede tra gli imputati, per frode fiscale, il presidente del Consiglio e fedele Confalonieri.

Oltre a Cittadini, in mattinata, hanno deposto Andrea Leone, figlio di Sergio l'inventore del western all'italiana e Pierpaolo Trezzini che hanno parlato piu' che altro dei meccanismi dei prezzi di compravendita dei diritti dei film dalle majors americane e della presenza di intermediari. Berlusconi, oggi assente per impegni istituzionali, ha mandato una lettera ai giudici nella quale dava il consenso allo svolgimento dell'udienza in sua assenza.

Prima di ascoltare le testimonianze, i giudici della prima sezione penale hanno bocciato l'istanza del pm Fabio De Pasquale che chiedeva il congelamento dei termini di prescrizione dall'11 aprile, data della scorsa udienza, ad oggi. Il collegio ha spiegato che il premier non ha fatto mai fatto valere legittimi impedimenti e che quindi la prescrizione puo' continuare a 'correre'. La prossima udienza e' stata fissata il 6 luglio alle 14.30 per le deposizioni in videoconferenza di 4 testimoni da Montecarlo. Il processo poi riprendera' il 26 settembre con altri testi e il 17 ottobre con i consulenti tecnici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog