Cerca

Biennale Venezia: l'Argentina avra' il suo padiglione per 22 anni (4)

Cultura

(Adnkronos) - Villar Rojas concepisce la sua produzione artistica come un'alternativa all'immagine dell'arte latino americana piu' tradizionale, legata alla semplicita' e alle pratiche ready-made. Per questo, intraprende progetti ambiziosi e complessi, che ricercano un dialogo con le opere di artisti internazionali che si muovono nello stesso ambito di rischio e potenzialita'. Tuttavia lo fa attraverso il recupero di un'artigianalita', decisamente distante delle innumerevoli possibilita' offerte dalle piu' moderne risorse tecnologiche.

Negli ultimi anni l'argilla, il cemento, il legno, la tela sono diventati i suoi tratti distintivi. L'utilizzo di questi materiali lo ha portato a sviluppare complicati processi di produzione, che richiedono un team composto da ingegneri, artigiani e altre tipologie di esperti. Una parte importante del fascino di queste opere scaturisce infatti proprio dal particolare connubio fra una proposta contemporanea e l'uso di mezzi anti-tecnologici e rudimentali.

Allo stesso tempo dalle sue opere emerge l'esaltazione dei sensi, cosi' come la trasformazione fisica e della materia, che le rendono distanti dai prodotti industriali e dalla loro connotazione piu' fredda e anonima. La mostra, intitolata ''El asesino de tu herencia'' (''L'assassino della tua eredita'''), a cura di Rodrigo Alonso, allestito in uno spazio di 250 m2 nell'area dell'Arsenale. Si tratta della prima volta in cui la delegazione argentina e' fisicamente collocata all'interno della mostra internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog