Cerca

Roma: Galloro (Pd), su via Fioranello si configura ipotesi di reato

Cronaca

Roma, 13 giu. (Adnkronos) - ''Senza precedenti le procedure adottate dal Campidoglio nell'assegnazione delle case del 'residence' di via di Fioranello tanto da configurare una vera e propria ipotesi di reato''. Cosi', in una nota, il consigliere provinciale del Pd a Roma Nicola Galloro.

''Le assegnazioni relative a quel complesso - spiega - non fanno parte di nessuna graduatoria, ne' del bando generale, ne' della delibera del piano di emergenza n.110 del 2005. Tanto meno vengono nominate nella recente delibera della Giunta Alemanno n.124 del 13 aprile 2011 che indica e di fatto sana, le 904 occupazioni irregolari degli immobili in via Corso Italia, dell' ex ospedale Regina Elena, di via Marchisio, Via Volonta' 9, Via Lucio Sestio, Via dei Castani 44, via di Portonaccio 36, via Amedeo II, via dei Radiotelegrafisti, via Spalla 53, via forte Braccio 30, via Tempesta, via Prenestina 913, viale del Policlinico, via Appia 416 e di via Filippo Scolari. Anche in questi casi si tratta di occupazioni riconducibili in gran parte a Casapound o al Popolo di Roma. A questo elenco si aggiungono altre mille occupazioni avvenute durante la gestione Alemanno, durante la quale stiamo assistendo ad una vera impennata del fenomeno".

Galloro prosegue: "Gli alloggi di via di Fioranello sono accatastati come case e non come residence. Pertanto l'assegnazione doveva per legge essere effettuata attraverso la graduatoria generale che non puo' essere scavalcata attraverso finte occupazioni o graduatorie emergenziali. In sostanza - conclude Galloro - le fallimentari politiche abitative dell'amministrazione Alemanno possono riassumersi in poche parole: 1900 occupazioni in soli tre anni, alloggi assegnati diminuiti da 700 a circa 150 l'anno. In compenso e' aumentato il numero dei residence, elargiti fuori da ogni graduatoria''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paracelso

    15 Giugno 2011 - 18:06

    è incredibile come, dopo il finto scandalo dei residence di alemanno, galloro e l'iddivvino pedica (pizzicato mesi fa che aveva casa e auto di comodo) s'indigni per i residence sull'ardeatina di alemanno. è stato scritto "villini d'oro" (ma semplicemente sono abotazioni dignitose), "piccola svizzera" e smart di un alloggiato spacciata per auto di lusso! bene, per non saper né leggere né scrivere, da ieri sul sito del comune è scaricabile la lista completa dei residence per emergenza abotativa di roma. così ci si rende conto di quanto costano i lager voluti da veltroni. il più oneroso: pietralata. costo: oltre 5000 euro al mese per alloggio. stipula: il giorno prima di dimettersi da sindaco. e galloro parla anche a vanvera delle liste dell'emergenza abitativa: quelle sono della regione, il comune interviene solo in casi eccezionali. che ipocrisia!

    Report

    Rispondi

blog