Cerca

Editoria: Jensen (Metro), cresciamo nel mondo, meno in Europa (2)

Economia

(Adnkronos) - Metro, il primo giornale gratuito per copie e lettori, copre il 28% del mercato mondiale delle free press. I mercati in cui il gruppo e' cresciuto di piu', soprattutto dal punto di vista dei ricavi pubblicitari, sono il Canada, la Svezia e Hong Kong. Per quanto riguarda la Svezia, dove e' nata la free press, "siamo cresciuti - spiega Jensen - del 25%".

Oltre che a questi paesi, il gruppo editoriale guarda all'America Latina e all'Asia. In Sud America Metro e' gia' presente in 6 stati e tra due settimane verra' lanciato in Peru'. "Speriamo - dice il presidente di Metro International - che entro il 2012 si possano aggiungere altri 2 o 3 paesi della regione". Secondo Jensen, la forza del mercato sudamericano, deriva dalla coesione del territorio, che "si comporta come una vera regione, facilitata da una storia e una lingua comune, a differenza dell'Europa, che e' un insieme di stati molto diversi tra loro".

Guardando al futuro, Metro International spera, entro il 2012, di avere un utile almeno del 10% (ora e' del 6%) e entro il 2016, "c'e' l'ambizione - afferma Jensen - di avere il 50% delle entrate dovute al digitale". Proprio l'attenzione per il mondo di internet ha portato il gruppo a realizzare la ricerca 'The Metropolitan Report", che cerca di tracciare il profilo del 'metropolitano' medio, potenziale lettore di Metro. Wilf Maunoir, direttore ricerche di Metro International, spiega che "i metropolitani sono giovani, mediamente molto istruiti, desiderosi di conoscere e utilizzatori di tecnologie e di diversi media". La ricerca, realizzata sul web in collaborazione con la societa' svedese 'United Minds', ha coinvolto 15 mila giovani, residenti in 30 tra le maggiori citta' del mondo ed e' disponibile online sul sito www.metropolitanpanel.com.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog