Cerca

Milano: condomini Porta Vigentina, basta partite a calcetto torni l'oratorio (2)

Cronaca

(Adnkronos) - "Successivamente - proseguono i condomini - gli alberi d'alto fusto sono stati espiantati ed il cortile trasformato in un formale campo sportivo da calcetto con tutte le necessarie dotazioni, anche per l'illuminazione notturna. Ovviamente l'illuminazione notturna si riverbera direttamente all'interno degli appartamenti del nostro fabbricato. Ad evitare poi che i palloni raggiungessero l'atrio del nostro stabile, la Parrocchia di Santa Maria in Paradiso ha innalzato a tutta altezza sul confine sino ai pali dell'illuminazione notturna anche una rete che copre le nostre finestre dal piano terreno sino quasi al terzo piano".

"Da allora - continuano i condomini - la Parrocchia di Santa Maria in Paradiso ha fatto uso del campo in modo professionale, organizzando di fatto una vera e propria scuola di calcio con allenamenti e partite diurne e notturne anche sino alle 23. In varie occasioni notturne, alle partite hanno partecipato adulti. Gli allenamenti ed il gioco sportivo comportano rumori assordanti, sia perche' il pallone sbatte contro alcune pareti laterali dell'oratorio, sia perche' i giocatori urlano, incitano, calciano, cadono, si lamentano, hanno e ricevono un tifo calcistico anche da parte del pubblico come avviene in una normale partita di calcio".

"Il condominio - conclude il comunicato - ha subito fatto presente al parroco l'intollerabilita' della situazione e delle molestie patite dagli abitanti del nostro fabbricato, (alcuni inquilini hanno disdetto l'appartamento e non si trova chi voglia abitare nel nostro palazzo) ma, anche di fronte all'evidenza dei fatti tra l'altro certificati da un ente pubblico, il parroco non ci ha minimamente considerato ed ancora insiste nel pretendere che un oratorio inserito in un area d'abitazioni possa essere liberamente trasformato in una struttura atletico-sportiva. L'oratorio c'e' sempre stato ed in tanti anni nessuno della casa ha mai avuto alcunche' da dire. E' giusto dunque che si ritorni all'oratorio per i bambini del catechismo del rione, cosi' come e' sempre stato e cosi' come dovrebbe essere con orari compatibili con il normale vivere civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog