Cerca

Campania: Bankitalia, incidenza disoccupazione giovanile piu' alta in Italia

Economia

Napoli, 14 giu. - (Adnkronos) - E' stato presentato oggi dalla Banca d'Italia il Rapporto annuale sull'economia della Campania. "Nel 2010 - si legge nella relazione di Bankitalia - il Pil della Campania, dopo l'intenso calo rilevato dall'Istat nel 2009 (-5,2% a prezzi costanti), e' diminuito lo scorso anno dello 0,6%, secondo le stime della Svimez, a fronte della crescita rilevata nella media nazionale (1,3%). Lo squilibrio tra domanda e offerta nel mercato del lavoro si e' ulteriormente aggravato. Il numero di occupati e' diminuito per il quarto anno consecutivo; il tasso di occupazione delle persone in eta' da lavoro e' sceso per la prima volta al di sotto del 40%, per la componente giovanile della popolazione esso e' pari a poco piu' di un quarto".

In Campania, spiega Bankitalia, ''le persone tra 15 e 34 anni che si trovano in questa condizione erano oltre 615mila alla fine del 2010. L'incidenza di tale fenomeno sulla popolazione giovanile sfiora il 40%, il livello piu' elevato tra le regioni italiane".

Nel 2010, prosegue il rapporto, "il valore a prezzi correnti dei prodotti manifatturieri esportati, dopo il calo del 16,1% rilevato nel 2009, e' aumentato del 12,8%, meno della media italiana. Come gia' avvenuto in passato, la ripresa dell'export ha interessato un limitato sottoinsieme di imprese dinamiche. A differenza del resto del paese, a tale ripresa non ha contribuito il comparto degli autoveicoli, nel quale sono in atto processi di ristrutturazione dei principali stabilimenti regionali; sono, invece, fortemente aumentate le esportazioni del polo aeronautico". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog