Cerca

Gas: Cig, morti per incidenti calano a 43 nel 2010

Cronaca

Milano, 14 giu. - (Adnkronos) - Diminuiscono, anche se lievemente, gli incidenti legati al gas combustibile in Italia. Lo scorso anno i morti sono stati 43 e i feriti 533, contro i 52 decessi e i 575 infortuni registrati nel 2009. In particolare, secondo i dati diffusi dal Comitato Italiano Gas, nel 2010 a causa del gas canalizzato ci sono stati 195 incidenti, che hanno provocato 23 morti e 385 feriti. Nel caso del gas distribuito in bombole e serbatoi si sono stati registrati 123 incidenti, che hanno causato 20 decessi e 148 feriti.

Per Francesca Zanninotti, coordinatrice del gruppo 'Statistica incidenti da gas' del Cig, "il calo piu' che strutturale e' da ascriversi al fenomeno statistico di varianza di serie storiche. Leggermente diversa, e piu' importante, e' stata la diminuzione degli incidenti del gas distribuito in bombole e serbatoi, con una ventina di incidenti in meno rispetto allo scorso anno".

Le cause che provocano gli incidenti, invece, rileva il Cig, sono sempre le stesse. Nella maggior parte dei casi si tratta della non idoneita' dell'impianto di evacuazione dei fumi (24% del totale), seguito dalla carenza di manutenzione (10%), dall'insufficiente aerazione dei locali (9%), dall'uso scorretto degli impianti (9) e da difetti degli apparecchi (9%). Secondo Michele Ronchi, presidente del Cig, per ridurre il numero di incidenti occorre "avviare un programma strutturato di qualifica degli operatori post contatore" e "attivare i controlli in campo, controllando gli impianti". Inoltre bisogna "certificare gli impianti nuovi e soprattutto quelli esistenti" e "incentivare la ristrutturazione degli impianti, magari anche in chiave di risparmio energetico".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog