Cerca

Puglia: Consiglio regionale, Acquedotto diventa pubblico

Economia

Bari, 14 giu. - (Adnkronos) - Il Consiglio regionale della Puglia ha approvato, con 37 voti favorevoli della maggioranza e 24 voti contrari dell'opposizione, il disegno di legge che ripubblicizza l'Acquedotto Pugliese. L'azienda sara' guidata da un amministratore unico che sara' nominato dal Presidente delle Giunta regionale entro un mese, tra candidati in possesso di comprovate esperienze e competenze professionali o in possesso di rilevante esperienza nel settore dell'organizzazione e gestione delle risorse idriche.

La legge prevede anche un Consiglio di sorveglianza con poteri di controllo, composto da rappresentanze delle associazioni ambientaliste, dei consumatori, dei sindacati e dei comuni. L'Aqp sara' sottoposto alla vigilanza della Regione Puglia (che detiene il 78% delle quote della Spa attuale), nonche' a quella della Corte dei Conti. Prevista l'erogazione gratuita, relativamente alle utenze domestiche, di un quantitativo d'acqua corrispondente al 18% degli avanzi netti di gestione a favore degli indigenti. Su questo articolo il Pdl e l'Udc si sono astenuti e la Puglia prima di tutto ha votato contro.

Il capogruppo dell'Udc Salvatore Negro, all'inizio della seduta pomeridiana, alla luce di una mail inviata dal Comitato Acqua pubblica che chiedeva un approfondimento dal disegno di legge rispetto ad alcuni emendamenti presentati non recepiti e all'esito del recente referendum, ha proposto un rinvio dell'esame del provvedimento. Richiesta respinta dalla maggioranza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog