Cerca

Libia: stampa, ribelli divisi tra islamici e laici

Esteri

Tripoli, 15 giu. - (Adnkronos/Aki) - Forti divisioni si registrano all'interno del Consiglio nazionale transitorio dell'opposizione libica, che ha sede a Bengasi, tra le sue due anime piu' forti: quella degli islamici e quella dei laici. Secondo quanto riporta il giornale arabo 'al-Quds al-Arabi', sono gli islamici ad avere la maggioranza all'interno del Consiglio, anche se i laici sono in maggioranza all'interno dell'organo direttivo che e' considerato da tutti come il governo dei ribelli.

Le divisioni tra questi due gruppi dell'opposizione libica non riguarderebbero solo i posti di potere, ma anche i contenuti della futura costituzione e la forma di governo da scegliere per il post-Gheddafi. Non c'e' accordo nemmeno sull'aiuto delle forze armate occidentali nella guerra al regime di Tripoli.

Secondo fonti interne al Consiglio, i laici chiedono una nuova costituzione liberale simile a quelle occidentali e con molti articoli dedicati alla protezione dei diritti umani. Ma se da un lato i laici chiedono un maggiore intervento delle truppe Nato nel paese, che si spinga fino all'ingresso delle truppe di terra, gli islamici respingono questa eventualita'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog