Cerca

Carceri: a Taranto detenuto si suicida inalando gas da bomboletta

Cronaca

Taranto, 15 giu. - (Adnkronos) - Un detenuto di 24 anni si e' suicidato ieri sera nel carcere di Taranto. L'uomo, accusato di rapina, dopo l'arresto ''aveva collaborato con la giustizia - scrive il segretario nazionale del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria (Sappe) Federico Pilagatti - facendo arrestare i propri complici''. Il giovane detenuto si e' inalato il gas di una bomboletta. ''Sembrerebbe che il gesto sia stato dovuto a motivi familiari'', aggiunge Pilagatti.

''Sicuramente sul detenuto ha influito negativamente anche la grave situazione di abbandono che si vive nelle carceri che non consente alcun apporto psicologico''. Proprio nei giorni scorsi, il Sappe aveva lanciato l'allarme su una situazione che sta degenerando con riflessi negativi per tutti. ''Ora basta - continua la nota - dopo questa escalation di suicidi nelle carceri pugliesi e' necessario fermarsi un attimo a riflettere e chiedere ai responsabili dell'amministrazione penitenziaria ed alla Politica, cosa hanno fatto per evitare cio'. Infatti la situazione di sovraffollamento di detenuti continua a farsi sempre piu' tragica con quasi 4400 detenuti a fronte di 2300 posti disponibili nella regione e con il carcere di Taranto che ha quasi raggiunto gli 650 detenuti a fronte di circa 315 posti disponibili".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog