Cerca

Energia: Sos Rinnovabili, dopo referendum nucleare guardia alta su Governo

Sostenibilita

Roma, 15 giu. (Adnkronos)- Dopo il referendum non si puo' certo abbassare la guardia. L'avvertimento arriva dal movimento Sos rinnovabili, nato e cresciuto nella rete che, all'indomani della vittoria del Si' sul quesito per il nucleare, sottolinea: "Ora che il vento e' cambiato, il Governo si affretta ad assicurare, per bocca del ministro Romani, che l'esecutivo lavora da tempo a un piano energetico per lo sviluppo delle rinnovabili e dell'efficienza energetica. Non e' vero". "Il governo -prosegue il movimento- ha lavorato e lavora da tempo per sbarrare la strada alle rinnovabili, in favore prima del nucleare, del carbone e del gas e d'ora in avanti in favore del carbone e del gas". "Occorre azzerare il decreto Romani e il Quarto Conto Energia, e ripartire da zero: si dice -spiega Sos Rinnovabili - che il ministro delle Sviluppo Economico stia riunendo il gabinetto. Cosi' non va, non vogliamo un altro piano raffazzonato, vogliamo una Conferenza nazionale che faccia i conti con la nuova situazione, che ridefinisca l'obiettivo dei 45 miliardi che erano stati destinati al nucleare. Ma il Governo, che ha fatto il quarto conto energia sotto la dettatura delle oligarchie dei fossili, difficilmente potra' tenere fede ai proclami della prima ora".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog