Cerca

Caso Battisti: Frattini, non servivano pressioni politiche ma rispetto diritto

Esteri

Roma, 15 giu. - (Adnkronos) - La contesa tra Roma e Brasilia sul caso Battisti "non si doveva risolvere con una pressione politica, ma con il rispetto del diritto internazionale e del Trattatto Italia-Brasile". E' il giudizio del ministro degli Esteri, Franco Frattini, che, ospite di Corrado Augias su Rai Tre, torna sulla vicenda dell'ex terrorista dei Pac. Per Frattini, la presunta mancanza di peso internazionale dell'Italia, con la mancata concessione dell'estradizione per Battisti, "non c'entra niente". "Chi ha sbagliato -dice ancora Frattini- e' solo e soltanto il presidente del Brasile", confermando che "nei prossimi giorni" l'Italia si rivolgera' alla Corte dell'Aja. Frattini, ribadisce poi che il Tratto tra i due Paesi "e' stato violato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog