Cerca

Giornalista Aki: reporter arabi, tutelare liberta' media in aree a rischio

Esteri

Il Cairo, 15 giu. - (Adnkronos/Aki) - ''Condanniamo ogni atto contro la liberta' di espressione e qualsiasi minaccia all'indipendenza dei giornalisti, sosteniamo l'operato dei media come AKI, che operano in aree a rischio''. E' il commento del segretario generale del Sindacato dei giornalisti arabi on-line, Salah Abdel Sabour, sulla vicenda di Syed Saleem Shahzad, il corrispondente di AKI-ADNKRONOS INTERNATIONAL ritrovato senza vita il 31 maggio. Oggi i colleghi di Shahzad manifestano a Islamabad, denunciando il mancato avvio di un'inchiesta indipendente.

''Le agenzie di stampa internazionali, soprattutto quando si occupano di eventi che riguardano Medio Oriente e aree a rischio, hanno un ruolo determinante nella formazione dell'opinione pubblica globale - continua Sabour - contribuiscono ad avvicinare popoli e culture per favorire la pace internazionale e la diffusione della cultura''.

Sabour ritiene che, nelle aree particolarmente a rischio, sia ''necessario attivare organismi internazionali per la protezione dei giornalisti'' che siano ''liberi di difendere il diritto dei reporter a ricevere adeguata protezione, anche tramite i tribunali internazionali''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog