Cerca

Ferragamo: F. Ferragamo, un dovere quotarsi in Italia

Finanza

Milano, 15 giu. - (Adnkronos) - Tentati da Hong Kong prima di optare per la quotazione a Piazza Affari? Assolutamente no, "facciamo tutto made in Italy e abbiamo ritenuto un dovere restare in Italia e sostenere il nostro bel Paese". Lo assicura il presidente della Salvatore Ferragamo, Ferruccio Ferragamo, oggi in occasione della presentazione della tappa milanese (la seconda dopo Londra) del roadshow per la quotazione in Borsa.

"Abbiamo analizzato circa un anno fa la possibilita'" della quotazione a Hong Kong "e ci e' sembrato un controsenso, Noi facciamo tutto made in Italy e stampare certificati azionari in cinese ci sembrava buffo. Ci sentiamo molto italiani e riteniamo un dovere rimanere in Italia e sostenere questo bel paese". Insomma Hong Kong "e' stata esclusa oltre un anno fa quando ancora non sapevamo di altre aziende italiane che si quotavano a Hong Kong".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog