Cerca

Grecia: scontri tra polizia e manifestanti anti-austerity davanti Parlamento

Esteri

Atene, 15 giu. - (Adnkronos) - Scontri tra la polizia e i manifestanti che protestano di fronte il Parlamento ad Atene oggi paralizzata, come il resto della Grecia, da un nuovo, il terzo dall'inizio dell'anno, sciopero generale contro le nuove misure di austerity. La manifestazione era stata indetta a mezzogiorno dai sindacati con l'obiettivo di impedire ai deputati di entrare in Parlamento dove il premier George Papandreou dovra' presentare le nuove misure di fronte una maggioranza che continua a restringersi, mettendo a rischio la sopravvivenza del suo governo.

La polizia ha sparato dei lacrimogeni per disperdere la folla, che ha risposto lanciando pietre e vasetto yoghurt. Nella capitale greca sale quindi alle stelle la tensione, mentre si prepara la discussione del nuovo pacchetto di austerita' da 28 miliardi di euro, con tagli alla spesa e aumenti delle tasse fino al 2015, per soddisfare le condizioni necessarie per ricevere il prestito internazionale da 110 miliardi di dollari che dovra' salvare l'economia greca. E' previsto anche un programma di privatizzazione da 50 miliardi di euro.

Tra le fuoriuscite dalla maggioranza, quella del ministro socialista dello Sport Giorgos Liannis che si e' dimesso per protesta dall'incarico. Manterra' pero' il suo seggio in parlamento come indipendente. Papandreou si trova cosi' con una maggioranza ridotta di 155 deputati su 300. Intanto un altro deputato socialista, Alexandros Athanassiadis, ha annunciato che votera' contro le nuove misure e diversi suoi colleghi hanno espresso perplessita' sul pacchetto di austerita'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog