Cerca

Maroni: ''Stop a soldi per bombardamenti in Libia, più risorse per il Viminale''

Politica

Roma, 15 giu. (Adnkronos/Ign) - Il governo italiano non deve più spendere soldi per i bombardamenti in Libia. A chiederlo è il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, intervenendo al primo congresso della Uil-polizia dedicato al tema del lavoro, della sicurezza e dello sviluppo. "Spero si ponga fine alla guerra e ai bombardamenti in Libia: solo con un governo, qualunque esso sia, si può gestire il fenomeno immigrazione - spiega - altrimenti continueremo ad avere immigrati, immigrati, immigrati".

Maroni ricorda che "il Parlamento Usa ha detto al presidente Obama 'basta spendere soldi in Libia': il governo italiano e i governi europei dovrebbero fare la stessa cosa".

Per quanto riguarda gli accordi tra Italia e Libia, Maroni osserva: "Finché continueranno le bombe, gli immigrati dovranno essere considerati profughi che andranno assistiti. L'Italia fa integrazione, ma non può essere lasciata sola perché non può essere solo un compito nostro".

Quanto a Gheddafi, "tutti i servizi delle superpotenze lo cercano e non lo trovano - afferma il ministro dell'Interno - poi, lui si fa riprendere mentre gioca a scacchi con un campione russo: tutto il mondo non riesce a trovarlo ma il giocatore di scacchi sì... è evidente che c'è qualcosa che non funziona. Intanto noi siamo gli unici ad avere un impatto negativo per la situazione in Libia". Maroni è anche ''molto preoccupato per quel che potrà succedere in Tunisia, dove l'instabilità sembra destinata a proseguire: temo, dopo l'estate, un altro flusso massiccio di immigrati verso le coste d'Italia". E cita anche un episodio singolare. "Questa mattina, sono sbarcati in dieci con una capra: quella - sorride - non so se la rimpatriamo...".

Il titolare del Viminale annuncia inoltre di aver scritto una lettera indirizzata al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e al ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, sui tagli e sulle risorse necessarie per gestire la sicurezza. "Ho inviato una lettera circostanziata di sei pagine e cinque allegati lo scorso 19 maggio - riferisce Maroni - affinché si possano mantenere per il 2011 almeno gli stessi livelli garantiti per il 2010. I tagli lineari hanno colpito il Viminale per il 36% su 29 miliardi di euro - ricorda - noi chiediamo ora un miliardo di euro solo per le spese rimodulabili: non stiamo chiedendo cos' e pazz...", sottolinea in uno stentato accento napoletano.

Per Maroni "il governo deve fare scelte coraggiose e deve inserire il tema della sicurezza non dico al primo o al secondo posto ma sicuramente sul podio, fra le prime tre priorità". Il ministro dell'Interno ricorda che nel 2010 ci sono state 6.129 assunzioni di cui 2.023 hanno riguardato poliziotti, carabinieri e finanzieri. La richiesta per il 2011 è di 2963 unità.

Quindi torna sulla riforma fiscale: "Sono convinto che si debba fare: è una scelta coraggiosa, ma in questo momento ci vuole coraggio. Sono soddisfatto che il ministro dell'Economia Tremonti abbia aderito a questa richiesta".

Intervenendo al congresso della Uil-polizia, Maroni ha poi tenuto a sottolineare: "Io opero per una prospettiva di lavoro di altri due anni ovvero fino al termine della legislatura. Se poi il governo cade prima, vorrà dire che il lavoro fatto sarà messo a disposizione di chi verrà dopo di me".

Quanto a un Bossi assediato dai 'maroniti', "non esistono i 'maroniti' né i 'maroniani': esiste la Lega e i leghisti, che sono una grande famiglia" assicura il ministro per il quale "tutte le sciocchezze che scrivono i giornali in merito appartengono, appunto, alla categoria delle sciocchezze".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog