Cerca

Federalismo: de Magitris, a Napoli costera' 1.300 euro a famiglia

Politica

Roma, 15 giu. - (Adnkronos) - ''E' una riforma che mi vede contrario, un provvedimento che spacca il paese accentuando la distanza, anche economico-finanziaria, tra Nord e Sud, con un peso negativo soprattutto per il Meridione''. Questo il parere sul federalismo fiscale del neosindaco di Napoli Luigi De Magistris che in una intervista rilasciata al sito dell'Anci parla a tutto campo della Napoli che sara' ma anche delle questioni calde della politica nazionale.

''A Napoli - spiega De Magistris ancora sul federalismo - la riforma federale si tradurra' in un aggravio economico per le famiglie. Il federalismo in se stesso non e' negativo, tanto che nell'Ue si discute di Europa federale. Da noi, invece, il federalismo e' quello demaniale, cioe' la vergognosa svendita del patrimonio nazionale (dalle foreste ai beni culturali) e municipale, cioe' la frattura del Paese".

"In base a quest'ultimo - denuncia il sindaco di Napoli - Milano guadagnera' 211 euro di bonus a cittadino, mentre Napoli perdera' piu' di tutte le altre realta': 327 euro a testa, che per una famiglia napoletana significa 1300 euro di maggiori tasse e minori servizi. Per quel che mi riguarda, oltre ad avversare questo provvedimento, come primo atto voglio nominare il componente del Copaff, perche' Napoli e il Sud abbiano la giusta rappresentanza in questo organismo, a differenza di quanto accaduto fino ad oggi''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog