Cerca

Giornalismo: Premio Alpi, domani convegni su mafia e strategia della tensione

Cronaca

Roma, 15 giu. - (Adnkronos) - Stragi e impunita', strategia della tensione, infiltrazioni mafiose. Se ne parla domani nella seconda giornata del Premio Ilaria Alpi, la manifestazione dedicata al giornalismo televisivo d'inchiesta, a Riccione. Il clou - si legge in una nota - sara' il dibattito 'Il filo rosso delle verita'. Dal caso Ilaria Alpi alle stragi e i delitti che hanno insanguinato il nostro Paese', a cui partecipano la portavoce dell'associazione Ilaria Alpi, Mariangela Gritta Grainer, i magistrati Antonio Ingroia e Sergio Materia, e Agnese Moro.

"Giorgio Alpi, il papa' di Ilaria, lo diceva sempre che c'e' un filo rosso nella storia di Italia che lega le stragi al duplice assassinio di Mogadiscio", ricorda Mariangela Gritta Grainer. "Giorgio - continua - credeva che giustizia e verita' siano un diritto per chi e' stato colpito e un dovere per chi ha responsabilita' pubbliche. Lui se n'e' andato senza avere ne' l'una ne' l'altra". "Una nuova generazione politica sta crescendo ed e' questo che fa spirare un aria di rinnovamento. C'e' sete di verita', la gente vuole sapere", conclude.

Sempre domani - continua la nota - si parlera' di strategia della tensione e in particolare dei fatti di Brescia in un incontro organizzato in collaborazione con la Rete degli archivi per non dimenticare, l'associazione delle Vittime della strage di Brescia e con le scuole di giornalismo dell'Universita' Cattolica di Milano e Walter Tobagi dell'Universita' degli studi di Milano. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog