Cerca

Energia: Dall'O', Italia prima in Europa per certificazioni

Economia

Milano, 15 giu. - (Adnkronos) - L'Italia e' il paese europeo che certifica di piu', ma il problema resta la disuniformita' delle certificazioni e il recepimento della normativa. Una classe A o A+, ossia il massimo del risparmio energetico, spesso ha dei parametri diversi in una regione piuttosto che in un'altra. C'e' molto da migliorare, ma l'obiettivo e' che nel 2020 i nuovi edifici siano a energia quasi zero. A tracciare un quadro della certificazione energetica degli edifici in Italia e' Giuliano dall'O', professore di Fisica tecnica ambientale al Politecnico di Milano, in occasione del primo forum nazionale sul tema.

Dall'O' sottolinea l'importanza dell'obiettivo del 2020 e precisa che "quest'anno e il prossimo saranno intensi, perche' nel 2013 entrera' in vigore la nuova normativa". La legge in vigore e' del luglio 2010 e sara' valida per tutto il 2012. La nuova norma "aggiusta - dice il professore - gli elementi di criticita' della precedente, nell'ottica di un'uniformita' europea".

Nel frattempo alcune regioni hanno gia' adottato dei provvedimenti legislativi sul tema: Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Sicilia. Nel resto d'Italia non esistono delle leggi regionali, ma varra' la norma nazionale. In Lombardia, che e' stata una delle prime regioni a prendere provvedimenti in materia di certificazione energetica, si contano piu' di 30 mila edifici di classe B, 2500 di classe A e 1000 di A+. "Un ottimo risultato - commenta Dall'O' - considerando la media italiana".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog