Cerca

Proprieta' industriale: Toscana chiede il ripristino della norma abrogata

Economia

Firenze, 15 giu. - (Adnkronos) - ''Una decisione grave e irresponsabile, che mette in crisi migliaia di aziende e p osti di lavoro, anche in Toscana. Un regalo alle multinazionali del design e una mazzata per tante piccole e medie aziende di qualita' che investono e innovano e che hanno contribuito a far conoscere il made in Italy nel mondo". Cosi' l'assessore alle attivita' produttive della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini, commenta la decisione della commissione parlamentare di abrogare l'articolo 239 del nuovo codice della proprieta' industriale, reintroducendo cosi' la norma che tutela con il diritto d'autore i disegni e i modelli mai registrati prima del 2001.

L'assessore Simoncini chiedera' formalmente al governo che in sede di maxi emendamento venga ripristinata la norma cancellata o, comunque, venga trovata rapidamente una soluzione in grado di garantire una continuita' produttiva alle aziende. Contro questo provvedimento, a fianco del Consorzio Origine che raggruppa la maggior parte delle aziende del settore, si erano mobilitatinei mesi passati imprenditori, enti locali, parlamentari. Una battaglia che oggi, forte anche di un pronunciamento della Corte europea , e' destinata a riprendere.

L'assessore Simoncini e' gia' in contatto, per questo, con organizzazioni sindacali, istituzioni, imprese per riprendere le fila della mobilitazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog