Cerca

Toscana: Lega Nord, Staccioli manda in tilt la sinistra sulle quote rosa

Cronaca

Firenze, 15 giu. - (Adnkronos) - ''La maggioranza di centrosinistra e' andata in tilt ed e' andata sotto dopo l'intervento sulle quote rose della vicecapogruppo della Lega Nord Toscana, Marina Staccioli, nella commissione congiunta Attivita' produttive e ''Cultura. Bocciate, quindi, le linee politiche dettate dalla Giunta Rossi sulla ricerca e sulle quote rose''. E' quanto sottolinea, in una nota, la Lega Nord Toscana in Regione.

''Il forte richiamo alla parita' di genere nell'atto di indirizzo pluriennale in materia di ricerca e innovazione -spiega Staccioli- e' una forma di estremismo femminista controproducente. Io sono donna, ma l'introdurre il richiamo alla parita' di genere potrebbe ritorcersi contro al mondo femminile, precludendone molte vie. Nel 2011, questo discorso dovrebbe essere sottinteso. Si va avanti per meritocrazia, non per motivi di genere. Nella ricerca, infatti, le donne hanno tutto da guadagnare senza l'ostinazione della parita' di genere''.

Opposizioni compatte ''nel votare contro le linee dettate dalla Giunta, maggioranza in bambola grazie al voto contrario del consigliere del Pd, di estrazione cattolica, Gianluca Parrini. Per ritorsione, la collega di partito Daniela Lastri, di estrazione postcomunista, si e' astenuta sull'atto principale relativo alla ricerca e all'innovazione, portando alla bocciatura del documento'', sottolinea la nota della Lega Nord Toscana. ''La sinistra vuole guidare il Paese, ma e' allo sbando. Se e' vero che il Pd toscano e' il motore di quello italiano -conclude Staccioli- c'e' da augurarsi, per il bene dell'Italia, che rimangano all'opposizione a Roma ancora per molti anni''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog