Cerca

Sciopero generale in Grecia, Papandreou non lascia: formerò un nuovo governo

Esteri

Atene, 15 giu. (Adnkronos/Ign) - Il primo ministro greco George Papandreou non si dimetterà. "Continuerò sulla stessa strada con il partito e il popolo greco", ha affermato il primo ministro alla tv statale NET.

In un messaggio alla nazione trasmesso in tv, il primo ministro ha affermato che domani formerà un nuovo governo e chiederà la fiducia in Parlamento.

In precedenza Papandreou aveva offerto le dimissioni in cambio di un governo di unità nazionale con i conservatori all'opposizione. "Ho messo sul tavolo proposte per l'opposizione, ma le loro condizioni riporterebbero indietro il paese", ha affermato il primo ministro.

Le sue dichiarazioni arrivano al termine di una giornata di violenze e contestazioni. Quasi 30mila persone sono scese in piazza ad Atene. La capitale è rimasta paralizzata, come il resto della Grecia, da un nuovo, il terzo dall'inizio dell'anno, sciopero generale contro le nuove misure di austerity studiate per evitare la bancarotta. Non sono mancati gli scontri tra la polizia e i manifestanti di fronte al Parlamento e davanti al ministero delle Finanze. Il bilancio è di 12 feriti.

Trasporti e servizi pubblici fermi, banche, scuole, uffici e servizi pubblici sono rimasti chiusi, con gli ospedali attivi solo per le emergenze. Anche i giornalisti hanno preso parte all'agitazione, con un black out informativo a partire dalla mattina. Fermi i traghetti; nessuno stop per gli aerei dopo che i controllori di volo hanno scelto di non partecipare allo sciopero.

Intanto la Commissione europea assicura che la Grecia riceverà come previsto la quinta tranche del prestito Ue-Fmi da 12 miliardi a luglio. E' quanto ha detto il portavoce del commissario europeo agli Affari economici e monetari, Olli Rehn, all'indomani dell'Eurogruppo straordinario sulla Grecia, convocato per preparare quello formale che si terrà il 19 e il 20 a Lussemburgo. "Sì, ci aspettiamo che riceva la quinta tranche a luglio", ha detto Amadeu Altafaj, rispondendo alle domande dei giornalisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog