Cerca

Trento: Gdf scopre truffa ad Azienda sanitaria, tre arresti

Cronaca

Trento, 16 giu. - (Adnkronos) - La Guardia di Finanza ha arrestato una funzionaria dell'Azienda sanitaria di Trento, il marito e il fratello della donna, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare firmate dal Gip di Trento Francesco Forlenza, il quale ha inoltre posto sotto sequestro denaro e immobili per circa 700 mila euro. Nell'inchiesta, coordinata dal Procuratore capo Giuseppe De Benedetto, risultano indagati anche il padre e un altro fratello della donna.

In carcere e' finita Maria Angelica Cappelletti, di Terlago, da vent'anni dipendente dell'Azienda sanitaria di Trento e delegata alla gestione dei rimborsi. Arresti domiciliari, invece, per il marito Mauro Biasiolli e il fratello Eugenio Cappelletti, anch'essi residenti a Terlago e titolari di due aziende edili. Per tutti l'accusa e' di truffa aggravata. L'accusa e' quella che dopo aver ottenuto in 4 anni rimborsi per oltre 2,3 milioni di euro per acquisti inesistenti di protesi e medicinali destinati a malati cronici, utilizzavano queste somme per fare viaggi e spese voluttuarie e per finanziare le attivita' imprenditoriali dei familiari.

Le indagini sono iniziate un mese fa dopo la denuncia da parte del direttore dell'Azienda sanitaria Luciano Flor, che si era accorto del numero elevato di pratiche riscosse dalla stessa persona, 1.600 in quattro anni. Dai successivi accertamenti, hanno detto gli inquirenti in conferenza stampa, e' risultato che i nominativi dei destinatari di attrezzature mediche e medicinali per cui erano stai richiesti i rimborsi non erano coincidenti con i dati dei bonifici bancari. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog