Cerca

'Ndrangheta: operazione 'Meta', sequestro a esponente famiglia Buda

Cronaca

Reggio Calabria, 16 giu. - (Adnkronos) - I finanzieri del Gico di Reggio Calabria e i carabinieri del Ros e del comando provinciale hanno eseguito un sequestro preventivo per equivalente della somma di 47.250 euro nella disponibilita' di Giuseppe Buda, di 40 anni, figlio di Santo Buda coinvolto nell'operazione 'Meta'. E' un personaggio ritenuto appartenente alla cosca che fa capo alle famiglie Buda-Imerti. Insieme ad altri indagati, Santo Buda avrebbe turbato le aste giudiziarie che si svolgevano nel Tribunale di Reggio Calabria.

In particolare nel novembre 2005 avrebbe acquisito la disponibilita' degli immobili del fallimento Tortorella a Villa San Giovanni, allontanando i possibili offerenti e aggiudicandosi 16 unita' immobiliari, di cui due intestati a Giuseppe Buda. Uno di questi immobili e' stato ceduto al prezzo di 47.250 euro a una terza persona estranea al provvedimento coercitivo. Le successive indagini patrimoniali delegate dalla procura di Reggio Calabria alla Guardia di Finanza e ai carabinieri hanno permesso di giungere al nuovo sequestro. Si tratta, affermano gli investigatori, della prima applicazione della norma sulla confisca per equivalente contenuta nel pacchetto sicurezza del 2009.

E' stato riconosciuto il principio che anche nell'ipotesi di cessione a terzi in buona fede di immobili acquisiti illecitamente, nel ''profitto funzionale alla confisca rientrano non soltanto i beni appresi per effetto diretto ed immediato dell'illecito, ma anche ogni altra utilita' che sia conseguenza, anche indiretta o mediata, dell'attivita' criminosa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog