Cerca

Roma: Rivellini (Ppe), monumento a Cecchin atto dovuto

Cronaca

Roma, 16 giu. - (Adnkronos) - ''Leggo con amarezza che un gruppo di intellettuali, e mai come stavolta e' il caso di dire 'pseudo' intellettuali, ha scritto una nota al Sindaco Alemanno per protestare contro la costruzione di una stele in ricordo di Francesco Cecchin, ragazzo 17enne ucciso da delinquenti di sinistra il 16 giugno 1979''. Lo ha affermato l'europarlamentare del Ppe Enzo Rivellini.

''Purtroppo, gli anni di piombo per alcuni non si sono mai chiusi e continua l'odio politico da parte di tanti che si definiscono democratici senza poi esserlo - ha aggiunto - Non ho rancore, ma solo una grande amarezza perche' credo che la stupidita' e la partigianeria di alcuni siano un pericolo costante che impedisce un autentico processo democratico e cosi' si corre il rischio che tornino gli anni di piombo''.

''Chi ha vissuto quegli anni difficili orgogliosamente schierato dalla parte dei valori e delle idee della Destra, alternativa alla Sinistra comunista, non puo' accettare questa vergognosa speculazione sulla memoria di Francesco Cecchin - ha concluso - E', altresi', la prova che Gianfranco Fini ed i suoi amici abbiano dimenticato tutto cio' e nascondano anche a se' stessi l'evidenza di una Sinistra rimasta anti democratica e intollerante verso chi non la pensa allo stesso modo. Schierarsi per meri scopi di convenienza politica con questa Sinistra significa rinnegare il proprio passato e la propria storia''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog