Cerca

Arezzo: la limantria ospite indesiderato dei boschi della Valtiberina

Cronaca

Arezzo, 16 giu. - (Adnkronos) - Oltre 200 ettari di bosco sono il nucleo centrale di un attacco di bruchi defogliatori (Limantria) che hanno interessato la vegetazione, principalmente le specie quercine, dei boschi alle spalle di Sansepolcro e limitatamente di Pieve S. Stefano. L'evento, atteso in quanto gia' monitorato dai tecnici del Servizio Regionale di monitoraggio fitosanitario dei boschi, dal Corpo Forestale dello Stato e dalla Provincia di Arezzo, non desta preoccupazione per la salute pubblica in quanto queste larve non sono munite di peli urticanti.

Infatti solo in una piccola porzione di bosco, lontano dai centri abitati, sono state osservate alcune larve di un altro insetto (Euprottide) che invece puo' determinare problemi di irritazioni per le persone. Sebbene la Limantria abbia causato intense defogliazioni, le piante non subiranno danni permanenti in quanto ricostituiranno spontaneamente le chiome; pertanto e' stata confermata la non necessita' di dare corso ad interventi di controllo.

Questi insetti infatti si trovano comunemente nei boschi e, in condizioni particolarmente favorevoli come quelle di questa stagione, possono aumentare notevolmente di numero provocando le intense defogliazioni osservate in queste aree. Il fenomeno, sottolinea un comunicato della Provincia di Arezzo, sara' comunque attentamente monitorato nella sua evoluzione al fine di prevedere tempestivamente, e solo se necessario, eventuali interventi di contenimento con prodotti biologici che, eventualmente, potranno essere utilmente messi in atto solo nella prossima primavera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog