Cerca

Tav: Ance Veneto, da costruttori impegno tecnico e finanziario

Economia

Casale sul Sile (Tv), 16 giu. (Adnkronos) - ''Sulla Tav, cosi' come sulle altre grandi opere infrastrutturali, i costruttori non faranno mancare il loro apporto in termini sia finanziari che tecnici. Ci metteremo attorno a un tavolo insieme alla Regione, alle banche, alle assicurazioni, alle concessionarie autostradali per elaborare un business plan che ci porti a realizzare l'opera, cosi' strategica per noi, entro il traguardo pre-fissato del 2020''. Lo ha detto Luigi Schiavo, presidente di Ance Veneto, nel corso del convegno 'Obiettivo Alta Velocita': la Tav ce la facciamo da soli' organizzato da Ance Veneto e Confindustria Veneto quest'oggi a Casale sul Sile (Tv).

''Ci sono due aspetti - ha spiegato Schiavo - che possono contribuire a spezzare la tradizionale lentezza che contraddistingue la progettazione e la realizzazione delle grandi opere pubbliche. Il primo aspetto attiene alle procedure. Il project financing, fatta salva l'idea che sia uno strumento ancora perfettibile, ha dimostrato di saper garantire tempi rapidi. Il secondo aspetto riguarda i termini di finanziamento. Oggi lo Stato investe soltanto l'1,7% del Pil nelle infrastrutture. Troppo poco, occorre lasciare spazio ai privati. Fa piacere aver appreso oggi la disponibilita' di Biis, la banca per le infrastrutture di Intesa San Paolo, a sedersi al tavolo. Siamo sicuri che il progetto nei prossimi giorni raccogliera' il consenso di altri istituti di credito e soggetti finanziari. Il dibattito e' solo all'inizio, il convegno 'Obiettivo Alta Velocita': la Tav ce la facciamo da soli' aveva lo scopo di riaccende il dibattito, un po' sopito negli ultimi tempi, su un tema prioritario per le imprese e per il Veneto''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog