Cerca

Mostre: a Tivoli la pittura di battaglia nell'arte dal XVI al XVIII secolo (2)

Cultura

(Adnkronos) - Tanti i grandi maestri del passato che disegnarono e realizzarono dipinti e affreschi che raffigurano scene belliche. Su tutti spiccano: Leonardo, Piero della Francesca, Paolo Uccello, Tiziano e Antonio Tempesta, del quale e' in mostra un'opera su rame ''Goffredo di Buglione medicato da un angelo'' tratta da un episodio della Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso.

Nelle stanze di Villa d'Este si potranno ammirare le opere realizzate da alcuni dei maggiori protagonisti di questa particolare 'corrente': Vincent Adriaenssen, detto il Manciola in quanto aveva perso la mano destra, che decoro' alcuni dei palazzi piu' prestigiosi della nobilta' romana, tra i quali Borghese, Altemps, Doria Pamphilj e Colonna.

E ancora sara' esposta una ''Battaglia dinanzi a un paese su un colle'' un'opera di Michelangelo Cerquozzi, considerato uno dei massimi esponenti di questa corrente, soprannominato il Michelangelo delle Battaglie ; Aniello Falcone, caposcuola dei battaglisti napoletani e attivo nel Seicento, e' presente in mostra con due opere, una ''Battaglia fra Cristiano e Turchi'' e ''San Michele interviene all'assedio di Siponti da parte degli Eruli di Odoacre'', scena di un accampamento tratta da un episodio storico; Jacques Courtois, detto il Borgognone presente in mostra con quattro dipinti. Nel suo ''Scontro di cavallerie con torrione sulla sinistra'', emerge tutta la sua capacita' di coinvolgere lo spettatore. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog