Cerca

Toscana: Consiglio regionale, consultazioni su impianti radiocomunicazioni (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Le diposizioni previste, oltre ad avanzare dubbi di incostituzionalita', appesantiscono, sempre secondo Confindustria, il lavoro delegittimando quell'idea di semplificazione delle procedure amministrative cui l'Esecutivo tende. Un punto su cui si e' inserita anche la portavoce dell'opposizione Stefania Fuscagni, impegnata in una ''analisi, peraltro non circoscritta a questo specifico disegno di legge, volta a capire cosa significa realmente semplificazione degli atti''.

E il tema dello snellimento e' stato fortemente ripreso da Cgil Toscana che ha sottolineato come ''non si possa prescindere dalla sicurezza della salute dei cittadini''. Dalle scelte normative, quindi, ''non possono essere sottratte le autorizzazioni''. Nell'impianto proposto dalla Giunta, su cui comunque si registra una ''condivisione di massima'', spicca inoltre l'istituzione di un catasto regionale degli impianti (articolo 5) contenete la ''mappa di quelli in esercizio, i dati tecnici, anagrafici e topografici riferiti ad apposite cartografie''.

Punto sul quale Leonardo Tirabassi, vicepresidente del Corecom (Comitato regionale per le comunicazioni) ha chiesto una ''razionalizzazione. Allo stato attuale sono tre gli enti che intervengono su questi archivi. Noi come Autorita', Arpat e l'ispettorato del ministero che, paradossalmente, non dialogano tra loro mentre dovrebbe essere possibile, e necessario, un accesso incrociato''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog