Cerca

Roma: Guidi (Pdl), sinistra fa passi indietro su memoria condivisa

Cronaca

Roma, 16 giu. - (Adnkronos) - "Spiace il passo indietro della sinistra sulla ricerca di una memoria condivisa. Gli appelli datati, le polemiche strumentali, i diktat inaccettabili di questi giorni, confermano una generale retromarcia della sinistra rispetto alle pur apprezzabili politiche messe in campo dall'allora sindaco Veltroni per cercare una memoria condivisa a Roma. Sembra di capire che la memoria puo' essere gestita solo dagli eredi del comunismo, altrimenti si commette un delitto di lesa maesta'". Lo dichiara Federico Guidi, consigliere Pdl di Roma Capitale

"Spiace che nessun esponente della sinistra istituzionale abbia ritenuto di partecipare alla cerimonia svolta oggi alla presenza del sindaco. Avrebbe notato - aggiunge Guidi - una cerimonia istituzionale senza simboli di parte, ma con una commossa partecipazione popolare. Spiace che nelle polemiche di questi giorni quasi nessuno a sinistra abbia sentito la necessita' di spendere una sola parola per ricordare il sacrificio di un ragazzo di 17 anni e per condividere la richiesta di una giustizia".

"Spiace, perche' inaccettabile che qualcuno si arroghi ancora una volta il diritto di sindacare se fare o meno una commemorazione, le bandiere che possano essere esposte, e chi possa fare o meno un concerto. Spiace che qualcuno continui a riproporre logiche datate che la citta' di Roma rifiuta con fermezza. Da parte nostra - conclude - non ci fermeremo nel continuare a ricordare e chiedere giustizia nei fatti di ieri, per riaffermare i valori di liberta', tolleranza e democrazia che sono imprescindibile presupposto per l'agire dell'oggi e del domani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog