Cerca

Sanita': Anaao su boom medici precari, conseguenza tetto spesa personale Ssn

Cronaca

Roma, 16 giu. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - "Il problema della precarieta' in sanita' e' la conseguenza del limite imposto nel 2004 alla spesa del personale. E' un fenomeno che sta assumendo dimensioni fuori controllo e che compromette la qualita' stessa del servizio". Parola di Costantino Troise, segretario nazionale Anaao Assomed, che commenta cosi' l'analisi sui medici precari del Ssn elaborata dall'Adnkronos Salute. Dal confronto delle tabelle 2001 e 2009 della Ragioneria dello Stato e' infatti emerso che il numero dei camici bianchi con contratti di lavoro a termine e' quasi raddoppiato: da 3.700 a 6.000.

Per Troise, anche se "gia' dal 2001 c'era una certa forma di precariato", l'accelerazione del fenomeno si e' registrata nel 2004, quando e' stato imposto un tetto alla spesa del personale del Servizio sanitario nazionale. "Da quel momento - spiega il segretario dell'Anaao Assomed - sono nate forme di contratto libero-professionale, a gettone, Co.Co.Co, rinnovati anche di mese in mese. E' stato un modo per aggirare il tetto della spesa e il blocco del turnover".

Nel frattempo il fenomeno e' cresciuto e di molto. "Il precariato - conclude Troise - sta assumendo dimensioni fuori controllo. Sta diventando la testimonianza della difficolta' di cui soffre il sistema. Vanno quindi cercate delle soluzioni. Non serve invece, come ha fatto il ministro Brunetta, insultare i precari. Occorre rispetto da parte di tutti, soprattutto da parte di un ministro della Repubblica".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog