Cerca

Siria: dentro e fuori il Paese, cosi' l'opposizione puo' unirsi contro Assad

Esteri

Damasco, 17 giu. - (Adnkronos/Aki) - I dissidenti siriani che vivono all'estero stanno cercando di formare un fronte comune con gli attivisti nel Paese con l'obiettivo di rafforzare le pressioni sul regime di Bashar al-Assad, di cui si chiedono le dimissioni. Esponenti dell'opposizione a Damasco si sono infatti riuniti in Turchia e a Bruxelles, messo a punto una piattaforma programmatica a Londra, pianificato un viaggio a Mosca e una grande conferenza negli Stati Uniti.

Tutto questo con l'imegno di formare una resistenza comune con chi manifesta per le strade delle citta' siriane. Ma le difficolta' non mancano. Tra i tanti intellettuali e accademici siriani di opposizione che da diversi anni vivono all'estero, infatti, manca un leader riconosciuto o un programma politico coerente. La rivolta in patria, tra l'altro, viene da molti considerata essenzialmente un movimento giovanile nel Paese. Ma secondo Najib Ghadbian, esperto di Medioriente presso l'Universita' di Arkansas negli Stati Uniti, l'opposizione dentro e fuori il Paese puo' ''completarsi a vicenda''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog