Cerca

Lazio: Polverini, correttivi per risolvere i 7000 accreditamenti accantonati in passato

Cronaca

Roma, 17 giu. - (Adnkronos) - Dopo l'impugnazione della legge sugli accreditamenti da parte del Cdm ''non succede nulla, perche' se avete letto la comunicazione successiva del ministro Fitto, c'e' gia' l'accordo con il governo di provvedere ad alcuni piccoli correttivi e quindi la legge avra' il risultato che deve avere''. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, al termine della presentazione del Piano famiglia, a chi le chiedeva un commento sulla questione che riguarda la legge sugli accreditamenti.

''I correttivi andranno nella direzione di risolvere il problema dei 7.000 accreditamenti che abbiamo ereditato dalla precedente Giunta e che sono rimasti accantonati- ha continuato la governatrice- In sei mesi non potevamo fare cio' che non era stato fatto in cinque anni. Questa legge ci aiutera' anche con le modifiche che abbiamo gia' individuato insieme con il ministro Fitto e i ministeri vigilanti''.

Polverini, dopo aver escluso ''che questo episodio possa influire sulla trattativa con il ministro Fazio'', si e' detta dispiaciuta che ''qualcuno in questa Regione cerchi sempre di rovesciare le soluzioni che noi troviamo, senza rendersi conto della delicatezza degli argomenti che stiamo trattando, perche' io avrei potuto tranquillamente dire il 31 dicembre dello scorso anno che non avevo avuto il tempo materiale e lasciare 7 mila autorizzazioni ferme. Non l'ho fatto perche' ho senso della responsabilita' e devo assicurare un servizio. Ringrazio il Consiglio che mi ha aiutato in questo primo provvedimento e al di la' di coloro che cercano sempre di fare fughe in avanti, sono convinta di trovare il sostegno che serve per i cittadini della Lazio''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog