Cerca

Cassazione: stronca le mance, talvolta sono una riprovevole abitudine

Cronaca

Roma, 17 giu. - (Adnkronos) - La Cassazione stronca le mance stttolineando che, in certi casi, questa pratica cosi' tanto diffusa costituisce una "riprovevole abitudine". In questo modo la Sesta sezione civile ha annullato la sanzione disciplinare nei confronti di una direttrice delle Poste di Rieti, Carla D.A., che si era vista sospendere dal servizio e dalla retribuzione per due giorni per avere invitato, con tanto di cartello affisso, i clienti a non dare le mance al personale. Secondo la Suprema Corte, che ha respinto il ricorso di Poste Italiane, la direttrice non solo non va sanzionata ma va elogiata per avere mostrato "attaccamento e serieta' all'azienda, adoperandosi al fine di interrompere una riprovevole e annosa abitudine".

Di diverso avviso era stato il Tribunale di Rieti che, il 20 ottobre 2003, aveva confermato la sanzione inflitta alla direttrice. Il verdetto e' stato ribaltato dalla Corte d'appello di Roma nell'agosto 2009 e confermato oggi anche dalla Cassazione. In particolare, gli 'ermellini', facendo proprie le motivazioni di merito, hanno evidenziato che la direttrice aveva "mostrato serieta' e attaccamento all'azienda" affiggendo il cartello 'si prega cortesemente la gentile clientela di non lasciare mance ai dipendenti di Poste Italiane'".

Anzi, annota ancora la Cassazione nell'ordinanza 13425 che "la condotta di Carla D. A., lungi dal dovere essere censurata per mancanza del dovere di diligenza sancito dall'art. 2104 c.c. e del dovere di fedelta', doveva e deve essere considerata idonea a salvaguardare il buon nome e l'immagine dell'azienda, atteso che gli art. 2104 e 1176 c.c. impongono al lavoratore di osservare tutti quei comportamenti accessori e quelle cautele che si rendano necessari ad assicurare una gestione professionalmente corretta". Tra questi comportamenti non e' contemplato, appunto, l'accettare mance dai clienti. Da qui il rigetto del ricorso delle Poste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog