Cerca

Puglia: Palese (Pdl), aumento Irpef poteva essere evitato

Economia

Bari, 17 giu. - (Adnkronos) - ''L'aumento dell'Irpef in Puglia poteva essere evitato. I cento milioni di euro necessari a coprire l'ulteriore deficit sanitario della Giunta Vendola potevano essere trovati senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini''. Lo ha sostenuto il capogruppo del Pdl alla Regione, Rocco Palese, nel corso della conferenza stampa tenuta oggi nella sede regionale del partito in Puglia, insieme con il vice coordinatore regionale del partito, Antonio Distaso e con i capigruppo degli altri due partiti di centrodestra alla Regione, Francesco Damone de La Puglia Prima di Tutto e Davide Bellomo de I Pugliesi, per presentare una campagna di comunicazione che da lunedi' vedra' in tutti i comuni l'affissione di manifesti, la distribuzione di volantini e l'allestimento di gazebo per informare i cittadini sulle tasse regionali imposte da Vendola.

Secondo Palese ''circa 80 milioni di euro potevano essere recuperati tagliando dell'1% le spese delle Asl per acquisto di beni e servizi; i restanti 20 milioni potevano essere presi dal cosiddetto 'tesoretto', ossia i 33 milioni di euro di avanzo di amministrazione che la Giunta Vendola ha rivelato, solo dopo l'aumento dell'Irpef, di avere sul Bilancio 2010''.

Palese ha evidenziato come ''gia' prima dell'aumento dell'Irpef tutti noi pugliesi abbiamo pagato circa 238 milioni di euro di tasse regionali all'anno (140 milioni di Irap, 15 milioni di addizionale regionale sulla benzina; 25 milioni di addizionale sul gas metano; 45 milioni di ticket sulle ricette; 13 milioni di tassa regionale sui rifiuti). Con l'aumento dell'Irpef, Vendola impone altri 100 milioni di euro di tasse per un totale di 340 milioni di euro di tasse regionali all'anno pagati da ciascun cittadino pugliese". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog