Cerca

Fiat: Fiom detta condizioni per conciliazione, azienda dice no

Economia

Torino, 18 giu. - (Adnkronos) - Alla ripresa dell'udienza dopo la sospensiva per valutare la proposta di conciliazione, la Fiom, attraverso il suo segretario generale Maurizio Landini, si e' detta disponibile a conciliare la causa dettando pero' alcune condizioni. Innanzitutto che le societa' convenute si impegnino a dare applicazione al vigente contratto nazionale dei metalmeccanici nonche' agli accordi confederali e nazionali di categoria in materia di rsu e inoltre che le societa' si impegnino a garantire il passaggio di tutti i lavoratori occupati presso gli stabilimenti di Pomigliano.

"Alle condizioni di cui sopra -ha detto Landini- la Fiom e' pronta alla rinegoziazione degli accordi per il sito di Pomigliano dichiarandosi disponibile a discutere dell'istituzione del lavoro a turni fino ai 18 turni in alternativa all'aumento dello straordinario, all'istituzione di un sistema dello scorrimento delle pause e all'introduzione di procedure di raffreddamento dei conflitti in alternativa delle cosiddette clausole di responsabilita'". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog