Cerca

'Ndrangheta: operazione Minotauro, Coral da' sua versione dei fatti

Cultura

Torino, 18 giu. - (Adnkronos) - Ha parlato per circa un'ora e mezza Nevio Coral davanti al giudice per le indagini preliminari di Torino, Silvia Salvadori. ''Ha risposto alle domande e fornito la sua versione dei fatti, che e' del tutto incompatibile con la tesi accusatoria'', ha spiegato al termine dell'interrogatorio di garanzia l'avvocato Roberto Macchia, legale dell'ex sindaco di Leini' (To) accusato di concorso esterno in associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta della magistratura torinese sulla presenza della 'ndragheta in Piemonte che ha portato in carcere quasi 150 persone.

Coral, ritenuto dagli inquirenti "il biglietto da visita della 'ndrangheta a Torino", ha negato di conoscere 'ndranghetisti. Agli inquirenti ha spiegato i suoi rapporti con Walter Macrina, 46 anni e , secondo la Procura, affiliato alla 'locale' di Volpiano. ''Coral conosceva il padre di Macrina - ha riferito l'avvocato Macchia - perche' hanno lavorato insieme quasi trent'anni fa. Quando Valter Macrina si e' presentato e gli ha fatto un'offerta, molto vantaggiosa, per realizzare i lavori del Centro direzionale della sua azienda a Volpiano, lui ha accettato. Se poi Macrina abbia a sua volta subappaltato i lavori ad altre ditte, lui non lo sa''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog