Cerca

Chiesa: Tettamanzi, ridicolo definirmi come l'Imam di Milano

Cronaca

Roma, 19 giu. (Adnkronos) - L'arcivescovo Dionigi Tettamanzi 'Imam di Milano'? "Chiunque abbia un minimo di buon senso non puo' che aver preso con umorismo affermazioni cosi' ridicole". Cosi' risponde il cardinale prossimo a lasciare la guida della diocesi di Milano, nell'intervista concessa a Gad Lerner per 'Repubblica'. "Per quanto mi riguarda - aggiunge - ero sorpreso e indifferente nello stesso tempo" per quelle che definisce come "boutade prive di fondamento: a cio' che e' del tutto inconsistente, non si da' alcun peso", anche se "e' giusto chiedersi come e' possibile che qualcuno arrivi a livelli cosi' infimi".

Ricorda Tettamanzi: "Quando arrivai alla diocesi di Milano, trovai la serenita' della fede e della speranza cristiana; era probabilmente piu' al di fuori della Chiesa, in ambienti politici o in realta' ecclesiali ad essi collaterali e pertanto politicizzate, che si auspicavano passi indietro rispetto a una stagione di dialogo".

Per l'arcivescovo di Milano, "quando si criminalizza tutto l'Islam, invece di valorizzarne correnti e movimenti che rifiutano ogni forma di fondamentalismo, si ottiene solo l'effetto di inimicarsi persino coloro che in quel mondo potrebbero essere alleati nella lotta all'integralismo e persino amici in una comune ricerca della giustizia e della pace tra i popoli e le loro tradizioni religiose: non rendersene conto - sottolinea Tettamanzi - e' proprio la sconfitta della ragione, e' il prodotto di un integralismo uguale e contrario".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog