Cerca

Sviluppo, governo pone fiducia a Camera sul maxiemendamento: si vota domani

Politica

Roma, 20 giu. (Adnkronos) - Il governo, tramite il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito, ha posto la fiducia alla Camera sul maxiemendamento al decreto sviluppo.

La vice presidente della Camera Rosy Bindi, prima di chiudere la seduta, ha annunciato che le dichiarazioni di voto sulla fiducia inizieranno domani mattina alle 10.30, mentre attorno alle 12 si avvierà la chiama dei deputati. Le operazioni di voto si concluderanno nel giro di un'ora e mezza. Sarà poi la volta dell'esame degli ordini del giorno. Alle 18.30 sono previste le dichiarazioni di voto finale e il voto sul provvedimento nel suo complesso.

Diverse le norme che, approvate dalle commissioni Finanze e Bilancio della Camera, sono state escluse dal maxiemendamento. E' saltata ad esempio la norma sulla responsabilità dei giudici tributari, nel caso non esprimano un parere entro 180 giorni, via le misure per gli insegnanti nelle aree svantaggiate, stop all'utilizzo dei fondi Fas per le nuove assunzioni al Sud. E ancora. Saltano inoltre tutte le norme sulla nautica da diporto e la norma sulla scuola, che prevedeva una 'speciale valutazione', per la posizione in graduatoria degli l'insegnanti. Confermato lo stralcio della norma sui diritti di superficie delle spiagge. Nel provvedimento si stabilisce inoltre, per la determinazione dei distretti turistici, l'ok preventivo ad parte del Mef.

Nel maxiemendamento, presentato a Montecitorio, non è dunque entrata la norma a firma Sergio D'Antoni (Pd), che destinava parte dei Fondi per le aree sottoutilizzate al credito d'imposta per l'occupazione al Sud. Si sarebbe trattato di un 'anticipo' in attesa del via libera da parte dell'Ue all'utilizzo dei fondi strutturali. Nel provvedimento viene introdotta anche una 'clausola di salvaguardia' per poter far ripartire la Tremonti-ter. Si stabilisce che il credito d'imposta per gli investimenti potrà ripartire solo quando saranno state individuate le risorse per sostenere la misura. Salta la norma, in materia di accertamento esecutivo, che avrebbe colpito i giudici tributari che non chiudono le cause entro i 180 giorni dalla data di presentazione sull'istanza di sospensiva. In particolare erano previste: la procedura di illecito disciplinare il danno erariale e, se recidivi, anche la rimozione. Salta anche il 'contributo' che avrebbero dovuto versare, al servizio universale di trasporto ferroviario, le imprese che fanno alta velocità.

Il Pd dal canto suo presenterà un ordine del giorno, domani durante il dibattito sulla fiducia, sui ministeri al Nord. "Porteremo la maggioranza ad esprimersi su questo con un voto", dice il capogruppo Dario Franceschini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog