Cerca

Pesca: Emilia Romagna, da Regione 100 mila euro per salvare le anguille (2)

Economia

(Adnkronos) - Responsabili della drastica riduzione della presenza e riproduzione dell'anguilla (si e' passati dalle circa 2mila tonnellate pescate nel 1969 in tutt'Italia a meno di un centinaio di tonnellate nel 2004) sono in particolare il peggioramento qualitativo e quantitativo delle acque interne e il suo eccessivo sfruttamento. Non a caso, la stessa Comunita' europea ha emanato raccomandazioni e disposizioni per la conservazione della specie. E' in quest'ottica che la Regione ha finanziato i due progetti di riproduzione controllata.

Tra i numerosi i risultati positivi ottenuti al Centro ricerche marine ci sono i dati riguardati nessuna mortalita' delle anguille durante tutta la sperimentazione (in altre ricerche c'e' una percentuale perlomeno del 40-50%) e l'individuazione di una tecnica per la sincronizzazione dell'ovulazione che consente di programmare la tempistica nella fase riproduttiva.

Circa il 90% delle femmine, inoltre, sono state in grado di emettere le uova, mentre per i maschi il 100% ha prodotto liquido seminale (percentuale superiore a quella ottenuta da altre sperimentazioni). Elevatissimo il numero di uova ottenuto mediamente da ciascuna femmina (in alcuni casi si sono superate le 500mila unita'). Infine, in quest'ultima settimana il Centro ricerche marine ha ottenuto una riproduzione spontanea in vasca senza alcun intervento da parte dell'uomo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog