Cerca

Toscana: la Giunta regionale riordina gli enti locali (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Di pari passo con la riforma dell'assetto istituzionale andra' poi potenziata la lotta all'evasione fiscale: u no dei cardini dell'azione di governo regionale. In particolare sara' rafforzato il sistema di collaborazione tra Regione ed enti locali per l'accertamento dei tributi, gia' sancita dai protocolli di intesa firmati lo scorso anno (con Anci, Rete Imprese Toscana, Agenzia delle entrate, Guardia di Finanza) e dal progetto Elisa, la rete informatica e il software occhiuto che consentira' agli enti locali di parlarsi piu' velocemente e scambiarsi informazioni condivendo le banche dati delle diverse branche della pubblica amministrazione.

''Una riforma e un riordino degli assetti istituzionali non e' piu' rinviabile - sottolinea Nencini - Sono tredici i diversi livelli di governo e enti che insistono sul territorio regionale: sono troppi. Con questa legge vogliamo rivoluzionare un sistema che oggi chiede minori costi, m aggiore efficienza e piu' chiarezza e trasparenza. Peraltro e' una riforma che non costera' un centesimo ai cittadini, ma che al contrario portera' benefici in termini di risparmi e di una maggiore efficienza nei processi decisionali''.

Qualche esempio? ''Le unioni di Comuni e la gestione associate di funzioni fin da subito puo' comportare una significativa razionalizzazione delle spese - spiega l'assessore Nencini - Se tutti i Comuni con meno di cinquemila abitanti attivassero le unioni, il risparmio sarebbe di circa 6 milioni di euro solo di spese generali di amministrazione, mentre gli organi delle unioni dei comuni non hanno costi aggiuntivi perche' sono costituite dai sindaci''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog