Cerca

'Ndrangheta: operazione carabinieri Piemonte, arrestato consigliere comunale Alessandria (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Le prime risultanze che dimostravano l'esistenza di un ''locale di 'ndrangheta'' sul territorio piemontese derivano dalle acquisizioni tecniche confluite nell'operazione ''Il crimine'' nel cui contesto, il 30 agosto 2009, era stato documentato un incontro avvenuto all'interno di un agrumeto di Rosarno tra il ''Capo Crimine'' Domenico Oppedisano e i due indagati Rocco Zangra' e Michele Gariuolo nel corso della quale era stata ipotizzata la costituzione di un nuovo ''locale'' di 'ndrangheta, da insediare ad Alba (CN).

Proprio in quel frangente era emerso il ruolo di vertice della struttura piemontese di Pronesti'', che non condivideva la creazione di un'altra struttura territoriale, ma il cui assenso era ritenuto necessario dallo stesso Domenico Oppedisano. L'indagine di oggi delinea, quindi, nel dettaglio l'esistenza e l'operativita' di un locale di 'ndrangheta nel basso Piemonte, insediato nella zona di Novi Ligure e collegato alle strutture di vertice dell'organizzazione calabrese, caratterizzato da tutti gli elementi tipici dell'organizzazione di riferimento con una struttura verticistica, riti di affiliazione, "cariche", impermeabilita' verso l'esterno ottenuta anche l'utilizzo di linguaggi convenzionali e disponibilita' di armi. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog