Cerca

Medicina: un nano farmaco protegge cellule nervose contro l'ictus (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Dopo circa due anni di esperimenti sui roditori, i ricercatori hanno superato l'ostacolo grazie all'impiego delle nanotecnologie, mettendo a segno un risultato mai raggiunto prima. "Abbiamo legato le molecole di siRNA a tubi di carbonio di dimensioni nanometriche (dell'ordine di grandezza del milionesimo di millimetro) - prosegue il ricercatore - "Le abbiamo quindi iniettate nella zona di corteccia cerebrale lesionata, constatando che il nano vettore, una volta captato dai neuroni, e' in grado di rilasciare al loro interno la giusta quantita' di farmaco, riducendo la morte neuronale indotta dall'ictus. Delle cellule trattate, circa la meta' si sono salvate e anche l'insorgenza di deficit funzionali e' stata notevolmente ridotta. Per la prima volta, quindi, e' stato provato che i nanofarmaci possono dare miglioramenti funzionali".

Per il team internazionale si tratta di una soluzione che apre nuove prospettive per trattamenti piu' adeguati. "Per il momento siamo ancora in una fase sperimentale", conclude Pizzorusso, "e dovremo affrontare altri studi per capire quali siano le nanoparticelle che garantiscono la migliore biocompatibilita', a parita' di capacita' di rilascio di siRNA. Il risultato ottenuto e' pero' un ottimo punto di partenza, una conferma che la nanomedicina in un futuro prossimo potra' essere applicata con successo anche per contrastare patologie cerebrali come l'ictus, di ampia diffusione, e finora praticamente priva di trattamenti efficaci".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog