Cerca

Pmi: Unicredit, internazionalizzazione per rilanciare le piccole imprese laziali

Economia

Roma, 21 giu. - (Adnkronos) - Secondo il settimo rapporto sulle piccole imprese di UniCredit, l'internazionalizzazione, specie le esportazioni e la scoperta di nuovi mercati e' la grande opportunita' che le piccole imprese di Roma e Lazio possono e devono cogliere per rilanciare l'economia del territorio.

L'indagine, presentata oggi nel corso di una tavola rotonda alla quale hanno preso parte Antonio Muto, head of territory Centro - Unicredit; Salvatore Pisconti, responsabile direzione network F&sme Roma - Unicredit ; Leopoldo Facciotti, Casartigiani; Mauro Mannocchi, Confartigianato; Valter Giammaria, Confesercenti; Lorenzo Tagliavanti, Cna; Umberto Pelargonio, responsabile commerciale Sme Roma - Unicredit e Stefano Cetica, assessore al Bilancio, Programmazione Economico-finanziaria e Partecipazione della Regione Lazio, approfondisce inoltre tematiche relative alle aspettative dei piccoli imprenditori del territorio e fornisce indicazioni circa le azioni da sviluppare per avere successo sui mercati internazionali, sia nell'esercizio dell'attivita' di impresa sia nel rapporto con banche e istituzioni.

Secondo lo studio, in un contesto economico generale caratterizzato da una domanda interna che stenta a ripartire sia sul versante privato che su quello pubblico, l'export appare oggi l'unica vera strategia che le piccole imprese di Roma hanno per uscire dalla crisi e attuare nuove politiche di crescita. Secondo i risultati del rapporto, tra le piccole imprese locali, e' diffusa l'opinione che il processo di internazionalizzazione abbia risvolti positivi per il sistema microimprenditoriale locale. In particolar modo gli imprenditori romani intervistati segnalano, come conseguenza positiva dei processi di internazionalizzazione, l'apertura di nuove opportunita' di mercato (33,9%). (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog